image

ASTROLOGIA E RELIGIONE – Astrology and Religion di Udo Rudolph

October 19th, 2012 | Meeting Uraniani

1. Significato delle parole: Astrologia e Religione
2. Compiti futuri dell’astrologia
3. Sintesi dell’astrologia e della religione

1. Significato della parola Astrologia

La maggior parte delle persone non conosce bene il vero senso e il contenuto dell’astrologia. Conoscono semplicemente i cosiddetti oroscopi contenuti nei giornali e inoltre sono influenzati dagli scienziati e dalle confessioni occidentali che respingono l’astrologia. Dal punto di vista astrologico dobbiamo dire che:

1. Gli oroscopi contenuti nei giornali non sono affatto oroscopi, si tratta di dichiarazioni generalizzate che non hanno nessun valore personale.
2. I nostri scienziati (la scienza) e le confessioni occidentali non hanno un’idea realistica dello sviluppo fatto dall’astrologia odierna. Tutte e due le istituzioni rigettano l’astrologia senza averla verificata.

Un’interpretazione dal punto di vista astrologico è perciò indispensabile. Nel “Grande lessico dell’astrologia” di Daniela Weise e Klemens Ludwig troviamo la seguente definizione dell’astrologia:

“Questa parola è composta dal greco ‘astron‘ (stella) èlogos‘ (significato). Descrive l’astrologia come un sistema che vede nel movimento stellare un senso più profondo, che può essere rivelato per l’uomo e per gli avvenimenti sulla terra. Dall’osservazione dei pianeti si può arrivare alla valutazione di un tempo determinato e di un luogo determinato degli avvenimenti terreni e del loro sviluppo.”

La parola finalè-logia‘ include anche la parola della logica del pensiero o il concetto del pensare logicamente. ‘Logos‘ significa ‘ragionevolezza divina‘ o ‘legittimità  dell’universo‘. Da questo possiamo concludere che la ragionevolezza divina, con le sue leggi nascoste del cosmo che ci sono date da Divinità  di dimensioni più alte, deve essere riconosciuta ed applicata. Gli astrologi dell’antichità  si erano identificati con la legittimità  del cosmo e con la ragionevolezza divina. Ritornerò su questo punto. Oggi la maggior parte degli individui non ha più una relazione con la legittimità  del cosmo e così pure con la divinità .

In conclusione:
Riconosciamo che il lavoro degli astrologi deve essere in armonia con la ragionevolezza divina e con la legittimità  del cosmo. Se gli astrologi hanno questa meta, e in più svilupperanno la sensibilità  necessaria, l’astrologia potrà  andare incontro ad un nuovo periodo di massimo splendore. Solo allora potrà  essere attivata la cosiddetta ‘catena ermetica’ postulata dai greci, o la ‘catena d’oro’, un vincolo di cooperazione spirituale tra i reami superiori della luce, il mondo degli dei, e noi, gli abitanti di questo pianeta terra – e farne una sintesi.

1. Significato della parola ‘Religione‘:

“Religione, dal latino ‘religio‘ significa ‘l’essere riattaccato‘, la relazione dell’uomo a Dio, la relazione con le potenze divine.” Fonte: Keysers Fremdsprachen Lexikon.

Un’altra definizione presa dal libro: ‘Il Dio risuscitato‘ di Leopold Brandstà¤tter:

La religione è la relazione libera e personale di ogni uomo con il suo Creatore.

confessioni‘ sono associazioni di fede che richiedono dai loro credenti di avere fede. Però, avere fede significa ‘non sapere‘ oppurèpensare che una cosa sia possibile‘. La fede non è dunque sapienza, è il primo passo verso la sapienza. La persona riflessiva d’oggi non si accontenta della semplice fede, ma vuole sapere. Tutti i santi della storia hanno fatto un’esperienza personale con Dio o con le potenze divine, cosicchè la loro fede è stata confermata ed è diventata conoscenza.

Ciò in cui crediamo oggi può essere la nostra conoscenza, il sapere del domani!

Ho studiato l’astrologia per più di 50 anni e ho ricevuto di continuo la conferma che esiste un sincronismo tra i movimenti dei pianeti e gli avvenimenti terreni. Non credo all’astrologia, io so che i pianeti per noi uomini sono una fonte d’informazioni. L’astrologia è per me la conferma che Dio e le Sue leggi sono veritieri, che sono delle fonti d’informazione che ci collegano con le dimensioni più alte del cosmo. Queste leggi ci rammentano l’onnipotente forza spirituale di Dio. Sono presenti in tutto l’universo e non possono essere influenzate dall’uomo. Ci dovremmo perciò orientare verso quest’onnipotente forza spirituale ed essere consapevoli di doverle ringraziamento e umiltà !

L’insegnamento dell’Agni Yoga dice:

“I sistemi religiosi hanno gettato la paura sull’umanità  per mezzo dei loro verdetti e l’hanno derubata del proprio ardimento. L’uomo che si sottomette prontamente alla religione di stato, assomiglia a un asino che porta un peso sconosciuto. Si può accettare una religione come un decreto emanato? Si possono accettare fiduciosamente i verdetti di persone sconosciute che si fanno pagare per i rapporti con il cielo?”

In conclusione:
Le chiese occidentali sono ‘associazioni di fede‘ che col passar del tempo hanno cancellato importanti leggi di vita dal loro credo, per esempio la legge della reincarnazione che in principio faceva parte della fede. I principali rappresentanti delle chiese occidentali hanno deviato dall’intento di orientare fedelmente i loro credenti. Le chiese orientali riconoscono la legge della reincarnazione come cosa ovvia. Solo così la vita acquista un senso. Confrontando il gran progresso tecnologico della civiltà  occidentale dobbiamo ammettere che le associazioni religiose dell’ovest non siano andate incontro ad un rinnovamento spirituale. Lo sviluppo atteso non ha avuto luogo. Si è rimasti bloccati nelle credenze.

2. Compiti futuri dell’astrologia:

Ogni ordine professionale deve fare ai suoi rappresentanti delle richieste che sono la base per praticare questa professione. Questo vale anche per gli astrologi futuri.

1. Il futuro astrologo dovrebbe essere in grado di riconoscere l’uomo come unità  di corpo, anima e spirito.
2. Dovrebbe essere in grado di spiegare il senso della sua presenza qui sulla terra.
3. Dovrebbe conoscere le principali leggi cosmiche relative alla vita umana.

Queste sono richieste “alte” rivolte agli astrologi futuri, che per il momento non sono ancora soddisfatte, ma che non dovrebbero mancare in un futuro programma di apprendimento. Solo se non viene meno a queste alte esigenze, l’astrologia potrà  diventare un’arte indirizzata al futuro ed utile per la società  umana. Non basta essere padroni della tecnica. Sarebbe tropo poco.

Il modo di vivere materialistico d’oggi, la cui meta più importante è la “danza di fronte al vitello d’oro”, sarà  sostituito da un’epoca spirituale a cui ci dobbiamo preparare. Siamo consapevoli che tutto parte dal pensiero e che ognuno è responsabile dei suoi pensieri. Possiamo considerare la desolante situazione politica come il risultato dei pensieri umani centrati sull’avidità . Le tante catastrofi dei nostri giorni in cui così tanti uomini hanno perso la vita, sono sicuramente il risultato del disprezzo delle leggi cosmiche. Che cosa direbbe lo stato se non osservassimo le sue leggi? La risposta è ovvia. Perciò è indispensabile che conosciamo le principali leggi del cosmo e che le applichiamo al nostro lavoro. Si tratta delle seguenti leggi:

1. La legge della reincarnazione
2. La legge di causa ed effetto (karma).
3. La legge di polarità .

Teologi non avveduti abolirono dall’insegnamento il principio di reincarnazione, al Concilio di Costantinopoli nel 553 d.C. Da allora, nel cristianesimo occidentale, questa conoscenza è considerata risibile nei paesi cristiani. è sorprendente che più della metà  dell’umanità  creda nella reincarnazione, e che questo errore di ignorare la legge di rinascita è riconosciuto come tale da molti altri, mentre i leader delle varie chiese non correggono questo errore fondamentale. La legge della reincarnazione, quella karmica di causa ed effetto, il “karma” può essere vista come una “bilancia della giustizia”. Con queste leggi tutti gli errori per cui non c’è giustizia terrena sono vendicati.
Il senso di queste sagge leggi è per l’uomo di avere l’opportunità , attraverso ripetute vite sulla terra, di evolvere e sviluppare gradi successivi di perfezione. La Bibbia dice in Matteo 5, 48:

Voi dovete dunque essere perfetti come è perfetto il vostro Padre in Cielo

Non possiamo raggiungere questa perfezione in una vita sola, ma abbiamo bisogno di diverse incarnazioni. Possiamo muoverci più velocemente nella nostra evoluzione se sappiamo adempiere con successo ai nostri obblighi. Questi compiti includono in primo luogo il miglioramento del nostro carattere e l’espiazione dei debiti karmici. Oggi, non siamo pienamente consapevoli degli elementi non visibili del nostro corpo mortale quali l’anima e lo spirito. Spesso, questi due termini vengono scambiati l’uno per l’altro e anche il “Duden”, un vocabolario di lingua tedesca, non dà  nessuna spiegazione chiara. Infatti scrive chèspirito’ significa ‘fantasma’. Da questa spiegazione insufficiente comprendiamo che fino ad ora non ci siamo accorti della nostra trinità : corpo, anima, spirito. Una spiegazione utile ci viene dal “Vocabolario della filosofia esoterica” del teosofo dott. Gottfried von Purucker:

“Esiste una notevole e importante differenza nell’uso delle parole Spirito ed Anima. Lo Spirito è l’elemento immortale in noi, la fiamma eterna che non si spegne mai e non è mai nata. Per la durata della vita sul pianeta, esso mantiene le sue uniche e speciali qualità , la sua essenza come pure la sua vita. Il divino spirito dell’umanità  è collegato con l’universo dato che è in un senso molto mistico un raggio dell’universo. Un’Anima è un’essenza che si sviluppa con le esperienze. Non è uno spirito, perchè è il veicolo dello spirito. Si manifesta nel mondo materiale perchè è una parte sostanziale dell’essenza bassa dello spirito.”

L’anima e lo spirito fanno parte dell’intera persona, e ci collegano con il Creatore. A questo punto vorrei fare un esempio a proposito dei nostri pensieri: anch’essi non sono visibili finchè non vengono espressi verbalmente, solo allora ce ne possiamo accorgere. I nostri pensieri sono importanti forze creative ed energie con i quali noi possiamo dare ordine e direzione alla nostra vita. Ci sia consentito, cari ascoltatori, di riconoscere quanto siano importanti i nostri pensieri! Tutti siamo dotati della facoltà  di pensare e dipende da noi singolarmente se li usiamo in modo positivo e costruttivo o in modo negativo e distruttivo. Faremo bene ad usare i nostri pensieri in modo costruttivo per il bene della comunità .

Il progresso tecnologico dei nostri giorni compiuto dall’uomo è davvero notevole e dimostra ciò che possono creare i pensieri umani costruttivi. Però, l’essenziale nell’uomo, cioè l’anima e lo spirito, e la domanda circa il senso della nostra esistenza, purtroppo è rimasto per strada. L’uomo non è più consapevole dei suoi valori profondi. Il famoso chirurgo tedesco professor Virchow (1821 – 1902) disse una volta: “Ho sezionato circa mille cadaveri, ma non ho trovato un’anima.” Con questo voleva esprimere il concetto che l’anima non esiste.

Negli ultimi decenni, con la divulgazione dell’astrologia ‘psicologica’, l’astrologia è più accettata nella nostra società . L’assistenza psicologica durante la consulenza astrologica sarebbe un passo nella giusta direzione. La persona in cerca di consiglio, si sente più compresa se viene considerata anche la sua anima durante la consulenza. Grazie ai padri della psicologia moderna, Jung e Freud, l’esistenza dell’anima umana è stata messa nuovamente in luce ed ora questo concetto si è fermamente ancorato alla società  moderna. L’assistenza psicologica delle vittime e dei superstiti di catastrofi ormai è all’ordine del giorno. è un importante progresso nella conoscenza dell’uomo, quello di aver riscoperto l’anima. Nel Medio Evo molti negarono alla donna l’anima e di conseguenza la donna venne bruciata sul rogo come strega.

La moderna psicologia analitica non avrà  futuro analizzando l’anima umana se non riconosce anche il principio spirituale dell’uomo e non arriva al punto di vedere ed analizzare l’uomo nella sua interezza. L’uomo deve essere visto alla luce della sua struttura triplice in una sintesi di corpo, anima e spirito, ed essere riconosciuto pienamente in questa struttura.

Conclusione:
In futuro, noi astrologi dovremo allargare il nostro campo. Come consulenti in questioni della vita dovremmo conoscere il senso della vita, e le importanti leggi cosmiche. Non dobbiamo ignorare la struttura triplice dei nostri clienti – corpo, anima e spirito – mentre consideriamo le importanti situazioni della loro vita durante una consulenza. Dovremmo rivolgere una speciale attenzione alle parti invisibili, quali l’anima e lo spirito, poichè sono il nucleo immortale che trasporteremo nelle nostre future incarnazioni.

3. Sintesi tra astrologia e religione

Il settimanale tedesco “Der Spiegel” spiegava nel 1993 che solo la metà  dei tedeschi crede ancora in Dio. Questo dipende naturalmente dal fatto che una gran parte delle persone intelligenti non si identifica più con la chiesa poichè le nostre chiese sono incapaci di fornire le chiavi di risposta alle domande fondamentali della vita. Le religioni che non si sviluppano dopo essere state fondate, perdono la loro credibilità . Leopold Brandstà¤tter scrisse nel suo libro: ‘Il Dio risuscitato’:

“Cristianesimo, Islam, Induismo, Buddismo come pure tutte le altre confessioni religiose e dottrine devono essere considerate come una parte di una fase preparatoria nella rivelazione universale e nella religione scientifica del futuro, la quale col passar del tempo sarà  riconosciuta come verità  universale e provata conoscenza di uno spirito rivelato che troverà  riconoscimento ed approvazione nel mondo”.

La Teosofia” e “Agni-Yoga” sono rivelazioni universali che ci danno una alternativa e ci fanno venire in mente ciò che era stato valido per millenni in tutte le religioni, ma che fu malamente usato, soppresso o distorto dalle chiese occidentali. Tutte due le dottrine, sia la Teosofia che l’Agni-Yoga, sottolineano il valore dell’astrologia.

Nell’Agni-Yoga si legge:

“Tramite l’astrologia possiamo provare che il magnetismo cosmico esiste quando siamo in grado di raffermare il corso degli avvenimenti; si può determinarli precisamente quando si accetta il magnetismo cosmico come forza motrice regnante. Tutti gli avvenimenti della vita possono essere calcolati. Possiamo estrarre la conoscenza da tutte le esperienze e manifestazioni delle creazioni spirituali e planetarie.
Il magnetismo cosmico raccoglie insieme gli aspetti più alti dell’attrazione cosmica. Lo spirito che risponde a quest’attrazione diventa in eguale misura una parte della ragione cosmica (l’intelligenza) così come viene decretato dalla Legge della Creazione. La Bellezza è parte di ogni creazione. E la Legge che libera lo Spirito dai pianeti dona l’illuminazione che conduce alle più alte sfere.”

Dal momento che gli astrologi dicono: ‘i corpi celesti ci forniscono di un senso più profondo”, e la religione può essere definita come la “relazione personale e libera d’ogni uomo con il suo creatorè, allora io credo che l’astrologia e la religione elogiano l’un l’altra. I corpi celesti sono l’opera del grande Spirito Creatore e Dio con cui gli umani sono collegati tramite le divine vibrazioni.

La religione ci dovrebbe portare alla virtù nella lotta con i nostri più piccoli tratti positivi e stimolare le nostre aspirazioni alla purezza, all’amore, al coraggio e alla nobiltà . La religione suscita in noi le qualità  di decoro, prontezza a soccorrere gli altri, compassione, amore per il prossimo, benevolenza e tolleranza. La religione insegna a superare la sofferenza ed affrontare la morte senza paura. La vera religione dà  sostegno morale quando tutto fallisce e va in rovina. La religione solleva il credente e gli dà  forza. La sofferenza porta l’uomo a Dio. è dovere della religione far nascere nell’umanità  la più alta consapevolezza attraverso la via della conoscenza più alta. Gli astrologi possono riconoscere il carattere di una persona attraverso l’oroscopo, possono aiutarla a riconoscere il proprio carattere e i lati buoni e meno buoni.

Firmicus Maternus, un proconsole siciliano, scrisse tra il 334 e 337 d. C. l’opera “Mathesis“, di otto volumi, l’unico libro di testo in latino dell’astrologia dell’antichità , conservato per intero. In quei tempi si usavano i cinque pianeti più sole e luna. Era conosciuto il Punto di Antiscia (attraverso l’equidistanza sull’asse cancro/capricorno) ed alcuni punti sensibili (Mathesis è un’antica espressione per l’astrologia).

Nel 2° volume a pagina 25 leggiamo il seguente titolo “Promemoria per gli Astrologi“, da cui ho estratto solo alcuni passaggi per dimostrare che la relazione tra astrologia e religione è sempre esistita:

Dunque, mio caro, tu che vuoi leggere questo libro per trarne sapienza divina, lotta per diventare simile allo Spirito divino e diventare un araldo del bene. Perchè chi desidera discutere ogni giorno di principi divini deve aspirare giorno dopo giorno ad avanzare verso la divinizzazione della sua anima.
Studia e pratica le virtù nel loro significato più nobile per le caratteristiche umane affinchè colui che si rivolge a te per vuole sapere qualcosa, abbia fiducia in te.
Sii virtuoso, sano, non ti ubriacare e sii modesto dei tuoi successi, e, agendo, non profanare la gloria di questa scienza divina tramite la brama bassa del denaro. Datti la briga di farti un buon nome da sacerdote del bene tramite la tua condotta perchè è dovere dell’uomo, che vuol essere il sacerdote della divina influenza delle stelle, di essere degno di questo nome che altri gli riconoscono.
Rispondi alle persone in modo comprensibile e chiaro, affinchè non cerchino con la forza di ricevere risposte da te di cose che non si dovrebbe chiedere o dire. Stai lontano dall’essere crudele mancando di riguardo, sii modesto e mantieniti lontano da dispute perchè solo la canaglia litiga.
Sii fedele e fidato con i tuoi amici e in tutte le altre cose, fai lo stesso, di qualunque cosa si tratti.
Non fare dichiarazioni sbagliate.
Non prendere interessi per i tuoi soldi affinchè nessuno, giustamente, dica che tu ti arricchisci della povertà  degli altri.

Ero sorpreso leggendo queste parole, che dopo 1500 anni non hanno perso di valore e che confermano molto bene la relazione tra astrologia e religione.

Pensieri conclusivi:

Il famoso Federico di Prussia disse: ‘Ciascuno è responsabile della sua felicità !

Ho cercato di dividere con voi la mia conoscenza sul tema di una sintesi tra astrologia e religione. Questa non deve essere necessariamente la vostra esperienza, perchè un proverbio dice chèmolte strade conducono a Roma’. Ma se qualcuno vuole passare per Roma deve deciderlo per conto proprio, perchè tutti abbiamo una volontà  relativamente libera sebbene non sempre libera nelle molte situazioni di vita che incontriamo!

Secondo me, l’astrologia e la religione sono una miscela piena di significato per il futuro. Tutte e due sono compatibili l’una con l’altra, si possono completare a vicenda e possono cooperare molto bene in futuro dandoci l’aiuto a riconoscere il nostro compito di vita e di sentirci avvolti in un grande ordine divino in cui niente può succedere che noi non abbiamo programmato all’interno della nostra esperienza. Nessun altro può accollarsi la nostra responsabilità  di camminare su questo sentiero spirituale, e ognuno di noi deve camminare sul proprio sentiero da solo!

Sono giunto a rendermi conto di come gli avvenimenti sul nostro pianeta si svolgono perfettamente in armonia con le stelle e con le regole della nostra professione e non mi resta che ripetere:

L’astrologia per me è una prova dell’esistenza di Dio!

Tante grazie del gentile ascolto!


Bibliografia:
-Keysers Fremdworter-Lexikon (Keysers Enclyclopedia of foreign words)
-Leopold Brandstatter, Der auferstandene Gott (The Arisen God) – Spirale Verlag, Linz 1976
-Gottfried Purucker, Esoterisches Worterbuch (Esoteric Dictionary , pag 91) Publisher, Esoterische Philosophie, Hannover, 1991
-Helena Petrovna Blavatski, Secret Doctine
-Julius Firmicus Maternus, Mathesis translated from Latin by hagall Thorson, published 1927 at Hermann Kalischers, Konigsberg
-Agni Yoga (14 Volumes), Spirale Verlag Linz / Austria